AED è ente qualificato dal MIUR per la formazione del personale della scuola secondo la direttiva 170/2016 (Prot. n.A00DGPER.7633)     I corsi AED hanno la certificazione qualità ISO (certificato DIMITTO n°1971 ISO 9001)     AED è proponente UNI della scheda normativa relativa alla figura professionale di "Educatore del gesto grafico"     AED è iscritta nel registro delle personalità giuridiche della Prefettura di Massa (Rep. n.24)     AED è affiliata a CNA professioni     UNIPOL: polizza assicurativa per tutti i soci coinvolti in attività organizzative AED    

Cos’è la rieducazione

BREVE STORIA SULLA RIEDUCAZIONE DELLA SCRITTURA

La rieducazione della scrittura nasce in Francia nel 1946, ma solo con Robert Olivaux e Julian de Ajuriaguerra negli anni ’60 ha larga diffusione.

Olivaux, medico, psicologo e grafologo, ha elaborato un proprio metodo molto seguito: la grafoterapia, basato sulla riproduzione di forme prescritturali semplici e neutre, con gesto fluido e scorrevole.

Ajuriaguerra, psichiatra, neurologo, direttore dell’ospedale Saint-Anne di Parigi, ha posto rigorose basi scientifiche per rieducare la scrittura a largo raggio.

Dal 2000 queste tecniche sono state introdotte anche in Italia.

Oggi, dunque, il problema della difficoltà della scrittura, che coinvolge il 20 % della popolazione scolastica, comincia ad essere considerato maggiormente e può essere affrontato in modo professionale con tecniche e strategie specifiche.

La scrittura è un atto cosciente e volontario che comunica un pensiero, un’informazione.

Secondo Robert Olivaux la scrittura è un fenomeno in evoluzione costante la cui maturazione può essere interrotta da diversi ostacoli. Per ripristinare le funzioni primarie della scrittura, che sono comunicazione ed espressione del pensiero e rappresentazione della personalità, è necessario un intervento di rieducazione.

La rieducazione della scrittura è un percorso relazionale in cui terapeuta e bambino lavorano sugli elementi necessari a ricostruire una buona grafia. E’ un decondizionamento da forme e gesti grafici errati che producono tensione, dolore, rigidezza o maldestrezza e che penalizzano l’andamento scolastico, l’autostima e le relazioni.
Durante gli incontri si propongono esercizi tecnici anche sull’impugnatura e sulla postura, esercizi di rilassamento, di respirazione controllata, forme prescritturali sulle quali ricreare una nuova e adeguata attività grafica.

foto_laboratorio_corso_FI2015

Gli incontri, individuali e settimanali, hanno una durata di 50 minuti per almeno un anno scolastico.

Perchè la rieducazione? Se scrivo bene, posso:
– comunicare più chiaramente il mio pensiero

– faticare di meno quando scrivo
– non rimanere indietro nel dettato e nei temi
– non sentirmi inadeguato
– accrescere la mia autostima e fiducia
– migliorare la mia attenzione e la mia concentrazione
– canalizzare meglio la mia energia
– sentirmi in generale più a mio agio
– migliorare le mie relazioni in casa e a scuola

 

 PRIMA E DOPO LA RIEDUCAZIONE :

Diapositiva1

Diapositiva2

 

 

Diapositiva3

Diapositiva4

 

 

Diapositiva5

Diapositiva6

 

 

Diapositiva7

Diapositiva8

 

 

Diapositiva9

Diapositiva10